14 Luglio 2019 - Lagusel e sella Palacia

Programma

Partenza alle ore 06:00 dal parcheggio delle poste. Attraverso il Passo San Pellegrino si raggiunge Moena e, quindi, Pozza di Fassa. Dal centro di Pozza si imbocca la strada della Valle San Nicolò proseguendo fino al parcheggio degli impianti di risalita del Buffaure. Qui, alle 9:30, c’è l’appuntamento con il trenino e i pulmini che permettono di arrivare alla località Sauch, punto di partenza dell’escursione odierna (m 1750). Il costo del biglietto d’andata è di 6 €, mentre per l’andata e il ritorno è di 10 €.

 

Escursione

Dal parcheggio partiamo con il sentiero recante il segnavia CAI n. 640, che inizialmente segue una comoda strada sterrata in leggera salita. Dopo una quindicina di minuti deviamo a destra seguendo la tabella con l’indicazione per il Lagusel. Inizia qui una stradina più stretta di quella appena lasciata, ma più ripida, che ci accompagna in mezzo al bosco fino a sbucare nella magnifica radura disseminata di piccole baite antistante al laghetto (m 2080, 1 h 15’). Ora il panorama si apre a sud verso il gruppo dell’Ort e le Cime di Costabella, mentre a nord spiccano il Sas d’Adam e il Sas Porcel della catena Collac-Buffaure. Il colore scuro di questa catena denota con evidenza l’origine vulcanica della roccia. Il nero dei basalti, il verde intenso dei prati e il pallore delle vicine cime dolomitiche conferiscono all’ambiente un fascino del tutto particolare. Proseguiamo per qualche minuto ancora in leggera salita e quindi, per prati, arriviamo alla magnifica conca del Lagusel (m 2103, 1 h 25’) che, nelle giornate di sole, appare come un affresco dalle brillantissime tinte color smeraldo. Un sentiero che corre sul bordo del lago permette di scoprire sul lato est un alpeggio nascosto con baita. Ritornati sul sentiero principale (n. 640), riprendiamo a salire agevolmente e, con il panorama sempre più aperto, raggiungiamo la località Pieif, alle falde dell’omonima cima. Qui incrociamo il sentiero n.641 che seguiamo verso sinistra in direzione di Sella Palacia (tabelle). La traccia, sempre agevole e bella, attraversa presto una conca con una baita presso un laghetto per poi alzarsi e sbucare in un ampio e verdissimo alpeggio che in leggera salita termina nella Sella Palacia (m 2260, 2 h 45’). A ovest, man mano che prendiamo quota, appaiono sempre più evidenti il Catinaccio, i Monzoni e le cime Valacia, Undici e Dodici, mentre sulla forcella il panorama si arricchisce ulteriormente con la vista, a est, dell’alta Valle San Nicolò, del Col Ombert e della Marmolada.

Ora il sentiero scende, prima su terreno aperto e poi in mezzo al bosco, fino a raggiungere il Rio San Nicolò (m 2000, 4 h). Attraversato il corso d’acqua, arriviamo alla strada di fondovalle con la quale rientriamo al punto di partenza (m 1750, 5 h).

 

Note:

Principali motivi di interesse: Gli ampi panorami verso Catinaccio, Marmolada, alta Valle di San Nicolò, Costabella, Monzoni, catena Collac-Buffaure; gli alpeggi; il Lagusel (laghetto) e il suo magnifico contesto; le baite nei pressi del lago.

 

Partenza/Arrivo: Pozza di Fassa (TN);

Difficoltà: E escursionistica;

Quota massima: 2260 m;

Disivello S/D:  510 m;

Durata: A: 5 ore;

Cartografia:Tabacco n.06, 1:25000.